Dettaglio Lettera Sulla Tolleranza John Locke, Lettera Sulla Tolleranza, Docsity

John Locke, Lettera sulla tolleranza, Docsity, Lettera sulla tolleranza

Altri Modelli Correlati a Lettera Sulla Tolleranza

Dettaglio Lettera Sulla Tolleranza - Come la chiesa non può imporre il proprio credo, allo stesso tempo e anche più grande, quindi lo stato non può punire con sanzioni civili gli individui che si discostano dalle leggi ecclesiastiche, semplicemente come non può imporre (con leggi civili) riti ecclesiastici: la salvezza del l'anima infatti non è l'impresa commerciale dell'autorità pubblica ma la più efficace dell'individuo. Semplicemente non è quindi la sfida dello stato a punire i peccati: avarizia e pigrizia, per esempio, sono peccati onesti, ma nessuno ha mai immaginato che le leggi civili debbano essere promulgate in opposizione agli avari e agli ozi. In definitiva, viene gestita la domanda di incontri non secolari: il filosofo inglese parte dall'attenzione storica in linea con la quale sono stati il ​​lievito delle seduzioni in alcune occasioni più efficaci a causa di una libertà oppressa. In effetti, se la tolleranza fosse stata costantemente conferita a tutti gli edifici della chiesa, nessuna istituzione non laica si sarebbe incontrata per reagire con le palme alle restrizioni di altri edifici della chiesa o della nazione. Di conseguenza, prima di tutto dobbiamo fornire una tolleranza popolare a ogni comunità ecclesiastica. Di conseguenza, non è possibile impedire ai residenti in libertà di radunarsi per esercitare il proprio culto, semplicemente perché non si può impedire loro di localizzarsi nelle strade o nel mercato. Ma, sebbene in un regime di tolleranza negli incontri religiosi qualcosa sia finito contro la pubblica pace, il regno dovrebbe interferire per reprimere e punire quegli atti tumultuosi che, sotto il pretesto della fede, aggrediscono il più cool dei residenti. Che cos'è uno stato? "Una società di ragazzi creata per conservare e vendere oggetti civili più maneggevoli". Ne consegue che l'attività dell'autorità pubblica generale deve essere risolta totalmente all'interno dell'impresa di trattenere i residenti il ​​legittimo possesso di tali beni mediante "linee guida legali imposte a tutti in egual modo", la cui violazione comporta lo sconto di una sanzione . La giurisdizione del paese è di conseguenza limitata alla cura delle risorse materiali e non può in alcun modo amplificare la salvezza delle anime. Ciò soprattutto perché "ora non sembra che dio abbia concesso una tale autorità sugli altri uomini" e in secondo luogo a causa del fatto che tutta la forza del magistrato civile è composta da un vincolo, ma quest'ultimo in argomenti di fede non lo fa porta più benefici perché la salvezza dell'anima può essere realizzata più semplicemente usando la caratteristica distintiva di una carriera religiosa intimamente riconosciuta come.